La finestra sui cortili con i Legnanesi al Teatro Nazionale

10/01/2015

Rivista: “La finestra sui cortili”, il nuovo spettacolo dei Legnanesi, in scena a Milano al Barclays Teatro Nazionale dal 31 dicembre al 22 febbraio, potrebbe essere definito così. Più che in passato i Legnanesi hanno scelto di dare nuova vita a una formula che vive nei paraggi del teatro di una volta. Così il meglio di quel genere di spettacolo si rinnova sul palcoscenico del Teatro Nazionale. Ci sono i siparietti comici, anche con allusioni di sapore erotico, c’è quel tanto di satira su politici e costumi attuali, ci sono dei brani musicali con due canzoni, di cui una intitolata “Baci baci”. Le vicende, i racconti, le parole della Mabilia (Enrico Dalceri), della Teresa (Antonio Provasio), del Giovanni (Luigi Campisi), insomma dei «pover crist» con costumi adeguati si alternano ai momenti con i boys, che ballicchiano in stile rivista e con la Mabilia con abito da sirena scintillante in una scenografia ugualmente scintillante. E sono i momenti del colore, con costumi sfarzosi, belli e tanti, che hanno reso celebri gli spettacoli della compagnia, ma naturalmente non manca il tocco da Legnanesi. Perché il cortile è anche in questo caso punto di osservazione privilegiato. Pernio del primo siparietto, il cortile permette di giocare su un aspetto anacronistico che qui diventa però comico: viene rubata la porta del gabinetto comune che troneggia al centro del cortile. Che l’epoca sia la nostra non c’è alcun dubbio, grazie ad alcune battute, ma il locale richiama un passato molto lontano. Il furto è comunque occasione di risate, anche perché a indagare vengono chiamati dei vigili per nulla tradizionali: il loro dialogo con le comari è sicura fonte di facili risate.
La finestra è dunque sui cortili, almeno come punto di partenza, ma il richiamo a Hitchcock non è certo nascosto e così le prime note che si sentono sono quelle della sigla del programma televisivo condotto dal maestro del brivido giallo.
Lo spettacolo più che seguire una trama sceglie di riportare viva la rivista. Così gli spettatori hanno continue occasioni di risate – e non solo loro, perché a volte a ridere sono gli stessi attori, suscitando ulteriore simpatia – per le battute, per le situazioni, per il modo di parlare o raccontare e insieme si divertono a osservare i costumi, che questa volta, più che in passato, hanno un richiamo al made in Italy con costumi basati sul tricolore. E poi si sentono coinvolti quando – tempi e luogo lo rendevano inevitabile – si parla di Expo: positivo e negativo si intersecano, sollevando la risata, ma anche qualche considerazione. Certo non mancano alcuni momenti in cui si sfiora il qualunquismo, per essere però subito accantonato.
Per il pubblico sono tre ore di divertimento, che si chiudono con un richiamo alla necessità di una maggior solidarietà. Ma si chiudono anche con l’uscita in smoking di tutti gli attori e i boys, perché, come ci tengono a sottolinearlo regolarmente, sono uomini vestiti da donne, non travestiti.

La finestra sui cortili”, nuovo spettacolo dei Legnanesi, con Enrico Dalceri (Mabilia), Antonio Provasio (Teresa), Luigi Campisi (Giovanni) e i boys.
A Milano al Barclays Teatro Nazionale dal 31 dicembre al 22 febbraio 2015

Valeria Prina