Rumors

13/04/2010

 

Loro ne hanno contate oltre 300. Personalmente non lo ho contate, ma certo le risate sono tante. Perché a "Rumors" succede di tutto: battute, situazioni, atteggiamenti, movimenti. E' una farsa dove tutto è studiato per indurre alla risata. Ma sotto l'apparenza divertente c'è una critica feroce a una classe sociale e politica che punta solo all'interesse personale, disinteressandosi di tutto il resto e disposta a tutto pur di salvare le apparenze. Nessuno esce come una figura positiva: avvocato, consulente finanziario, analista, candidato politico e le mogli non sono da meno. Tutti personaggi molto credibili, catapultati in una storia incredibile. A regolare il tutto c'è il ritmo scoppiettante, mai un vuoto, un cedimento. Come sempre le farse sono le più difficili: basta un errore, un tempo sbagliato e tutto crolla. Qui non succede: tutti gli attori della compagnia sono perfetti. Lo sono i più giovani e lo sono i più famosi, Andrea Brambilla, Nino Formicola, forse ancora più conosciuti come Zuzzurro&Gaspare, che festeggiano i 35 anni di lavoro insieme in scena. Insieme anni fa avevano portato in teatro Rumori fuori scena, di cui questo Rumors è la risposta di Neil Simon, che con questo testo del 1988 ha scritto l'unica sua farsa.

L'ambientazione per quanto riguarda luogo ed epoca è rimasta invariata e non potrebbe essere altrimenti, perché l'avvento dei telefonini renderebbe tutto poco credibile.

 

"Rumors" di Neil Simon. Regia di Massimo Chiesa con Andrea Brambilla, Nino Formicola (Zuzzurro&Gaspare), Eleonora d'Urso, Alessandra Schiavoni, Marco Zanutto, Elisabetta Becattini, Simone Francia, Elisa Gabrielli e Paolo Giangrasso.

A Milano al Teatro Manzoni dal 30 marzo al 2 maggio. 

 

Valeria Prina