Anteprima Teatro: Vedremo al Teatro Carcano

03/09/2010

Prosegue, anche sotto la direzione di Marina Bonfigli, che continua così il percorso tracciato da Giulio Bosetti, compianto pernio, animatore e protagonista del Teatro di corso di Porta Romana, l’attenzione del Carcano alla grande prosa. Lo fa scegliendo dei grandi classici, ma anche con incursioni in altri ambiti. Sono in calendario due titoli che per il pubblico hanno chiari richiami cinematografici: di “L’inganno” (nella foto), portato in scena da Glauco Mauri con Roberto Sturno (10-21 novembre), si sono viste due versioni al cinema con Michael Caine, nel primo con Laurence Olivier e nel secondo, ma nel ruolo dell’altro protagonista, con Jude Law. E’ un testo particolarmente intrigante, destinato a catturare l’attenzione del pubblico. Nato per il teatro, ma visto al cinema con la regia di Lars von Trier, anche autore, è “Il grande capo” (9-19 dicembre) con Gianfelice Imparato e la regia di Maurizio Panici.

Siamo in pieno teatro elisabettiano, invece, con “Volpone” di Ben Jonson (23 febbraio – 6 marzo) portato in scena da Mariano Rigillo (graditissimo ritorno a Milano) con Anna Teresa Rossini e la regia di Roberto Guicciardini.
Con una origine letteraria troviamo “Il fu Mattia Pascal”, nella versione teatrale di Tato Russo, anche regista (16-27 marzo). Pirandello è presente anche con “I giganti della montagna” (12-23 gennaio) nell’allestimento di Enzo Vetrano e Stefano Randisi (nella foto), che affrontano così di nuovo un testo del grande Premio Nobel.


Gli altri classici sono “La bisbetica domata” con Vanessa Gravina e Edoardo Siravo (13-24 ottobre) e la regia di Armando Pugliese; “Il malato immaginario” con Patrizia Milani, Carlo Simoni Paolo Bonacelli e la regia di Marco Bernardi (2-20 febbraio), mentre la Compagnia del Teatro Carcano con Marina Bonfigli, Antonio Salines affronta “La bottega del caffè” (nella foto) di Goldoni (30 marzo – 17 aprile) e Pamela Villoresi interpreta “Medea” di Euripide (4-15 maggio).
La stagione si apre il 7 ottobre con “John Padan a la descoverta de le Americhe” di Dario Fo. Nel cartellone troviamo ancora Lella Costa con “Amleto” e “Ragazze”, “Il piccolo principe”, “Se no i xe mati no li volemo” con Virgilio Gazzolo, mentre la fine del 2010 e l’inizio del 2011 si festeggiano con “La bella addormentata” con il Balletto di Mosca, “La vedova allegra”, “Hello Dolly”.
Maria Eugenia D’Aquino cura anche per questa stagione TeatroinMatematica con quattro titoli in cartellone il lunedì.  A completare le iniziative culturali è Progetto letteratura Italiana curato da Massimo Loreto.

Valeria Prina