Le voci di "Cattivissimo me"

09/10/2013

Nella splendida cornice dell’hotel Eden a Roma, il 6 ottobre insieme a Max Giusti e Arisa, voci e anime italiane della versione nostrana di “Cattivissimo me 2”, si è svolta la spassosa e sempre allegra conferenza stampa del film in arrivo nei nostri cinema il 10 ottobre. Fin da subito si è potuto respirare un clima piacevole e divertito, con un’atmosfera che certamente ha anche caratterizzato il set del doppiaggio. “Il mondo dei cartoni animati è stata un’occasione per riscoprire i sapori buoni, dei valori un pò persi, i buoni sentimenti […], tornare a vedere un cartone, ridere sul set, è stato come riaprire un baule della nonna, sentendo profumi che credevi di aver dimenticato” ha detto Max Giusti, elencando i pregi di un set e di un’esperienza (la seconda per lui, già presente nel primo episodio della serie ndr.) purificatrice, quasi catartica. Candidamente invece Arisa, ha affermato che “Io sono un cartone animato! L’esperienza del doppiaggio mi ha donato linfa vitale nuova, con questi corpicini piccoli e aggraziati che ti regalano sensazioni inaspettate, elettrizzanti”. Tante le differenze con il Gru originale, doppiato in America dall’attore comico Steve Carrell (il personaggio di Lucy doppiato invece da Arisa nella versione americana ha la voce di Kristen Wiig): a proposito l’attore romano ha rivelato che “Steve Carrell ha costruito il suo personaggio sulla cadenza e l’accento di un extra comunitario, tipico dell’est Europa, mentre il mio Gru l’ho voluto diverso, inventando un carattere, visto che non mi sarebbe piaciuto un Gru come quello americano, peraltro decisamente fuori luogo per il nostro Paese e per il periodo drammatico che stiamo affrontando”. Arisa, che nel film doppia la bella ed esuberante Lucy, ha spiegato col sorriso sempre sulle labbra in che modo è arrivata a “Cattivissimo me 2”: “È nato tutto per gioco ma quando ho capito l’essenza del personaggio di Lucy, mi sono ritrovata immediatamente in lei, una donna vera, con una folle simpatia, un’essenza che mi ha fatto intraprendere un viaggio fatto di tanti colori, tirando fuori capacità che non credevo neppure di avere. Quando doppio mi piace rivedermi in un corpo che non è il mio, a differenza della recitazione in cui vivo sempre con tante paranoie il progetto a cui sto prendendo parte […] sono esperienze diverse, ma ugualmente interessanti e che mi piacerebbe coltivare parallelamente, senza dimenticare il canto ovviamente!”. Mentre prende piede un terzo capitolo della saga incentrato solo sui minions (vera colonna portante secondo alcuni dei film) previsto per il 2016, l’interrogativo che prende forma è: <<L’esperienza del doppiaggio di “Cattivissimo me2” cosa ha lasciato nei due attori?>>. A tal proposito Max Giusti ha rivelato che “Quando faccio un’imitazione delle mie, i personaggi che imito non sono mai realmente come li rappresento: nel doppiaggio invece, metti a servizio le tue potenzialità, cercando di adattare chi sei a chi devi rappresentare, finendo però per diventare un pò quel personaggio a cui dovresti prestare solo la voce. È anche per questo che porterò un pò di Gru nel mio prossimo spettacolo teatrale, andando a mescolare arte contemporanea e teatro leggero, popolare”. L’energia di “Cattivissimo me 2” e dei suoi personaggi, sembra proprio aver contagiato tutti.

Alessandro Orecchio