Ischia Film Festival premia Woody Allen e Pupi Avati

17/06/2011

Dopo Mel Gibson, Ron Howard, Mark Canton e Anton Corbijn, il ‘Foreign Award’,  premio assegnato dall’Ischia Film Festival in collaborazione con l’APE (associazione dei produttori esecutivi italiani), andrà a Woody Allen per aver scelto location italiane per il suo prossimo film, ‘Bop Decameron’. Per l’occasione, una retrospettiva dei suoi lavori legati alle location - tra cui ‘Manhattan’, ‘Match Point’ e ‘Vicky Cristina Barcellona’ - farà da cornice alla manifestazione ischitana. “Woody Allen – ha dichiarato Michelangelo Messina, direttore artistico dell’Ischia Film Festival – esprime in pieno, attraverso la scelta e la valorizzazione delle location, l’amore per il territorio e per la sua cultura che costituisce l’obiettivo principale del nostro festival”. La nona edizione del festival sarà presieduta dal due volte premio Oscar Sir Ken Adam e avrà luogo nell’incantevole scenario del Castello Aragonese dal 2 al 9 Luglio 2011.

Sarà invece Pupi Avati, regista celebre per lavori come ‘Regalo di Natale’ e ‘Gli amici del Bar Margherita’, a ricevere il Ciak di Corallo 2011, premio alla carriera conferito nell’ambito della nona edizione dell’Ischia Film Festival. A motivare il riconoscimento - assegnato negli anni scorsi a Vittorio Storaro, Abel Ferrara, Pavel Lounguine – la grande attenzione riservata ai mutamenti socio-culturali, alle miserie e alle nobiltà della provincia italiana. Premio che il cineasta bolognese ritirerà personalmente il 7 luglio, in una serata omaggio in cui verrà proiettato ‘Il papà di Giovanna’, opera del 2008 con Silvio Orlando e Alba Rohrwacher.
L’Ischia Film Festival, unico concorso internazionale dedicato alle location, celebrerà così uno dei grandi nomi del cinema italiano. Un regista atipico - spesso alle prese con stili e tematiche agli antipodi (dalla commedia al thriller) – protagonista sin dagli esordi di analisi chiare e lungimiranti sulla società italiana (che fu e che sarà). Dalla provincia emiliana, rustica e misteriosa, de ‘La Casa dalle finestre che ridono’, passando per la Bologna genuina degli anni ’50 de ‘Gli amici del Bar Margherita’, Avati ha sempre messo in primo piano le paure, le contraddizioni, ma anche le tante note positive che segnano la penisola italiana e la sua provincia. Un modus operandi che trova conferme nel suo ultimo film, ‘Il cuore grande delle ragazze’, le cui riprese si sono tenute a Fermo, nelle Marche.
La 9a edizione dell’Ischia Film Festival sarà inaugurata dal premio Oscar Ken Adam.

www.ischiafilmfestival.it

Redazione