61° Festival di Locarno: In 3 tagen bist du tot

25/08/2008

Presentato, in prima mondiale, nella splendida cornice della Piazza Grande del 61o Festival del film Locarno ha riscosso un buon successo di pubblico.
Nina, scampata  al massacro dei suoi amici per mano di un feroce e misterioso serial-killer,  ha cambiato vita e casa troncando i rapporti con il suo entourage e anche con la sua migliore amica Mona per superare il tremendo shock che le ha sconvolto irrimediabilmente la vita..a un anno di distanza, qualche giorno dopo gli esami di maturità, però per la povera Nina l’incubo ricomincia attraverso un’allucinata ed inquietante telefonata di Mona, anch’essa scampata al massacro, che le chiede aiuto… Nina decisa a soccorrerla  parte alla sua ricerca e si ritrova in balia di una famiglia tirolese completamente sciroccata...e l’incubo ricomincia.
Qualche anno fa Andreas Prochaska ha diretto il sanguignolento Slasher-Movie In 3 Tagen bist du tot ottenendo un grandissimo successo in patria, purtroppo in Italia non si è  potuto vedere poiché nessun distributore nostrano l’ha comprato e questo per me è un mistero…È un  mistero perché i nostri cinema sono invasi da pseudo film horror tipo i vari Grudge o Ring targati Usa per non parlare dell’ultimo episodio della saga di Halloween che, con tutto il rispetto e l’ammirazione che nutro per John Carpenter che ha supervisionato il progetto, è ahimè veramente una robetta da sbellicarsi dalle risate, ma l’autentico horror è da un’altra parte…Per fortuna, però, che dagli Usa arrivano anche degli autentici capolavori come la serie di Saw-L’enigmista o Hostel che sono una boccata d’aria per gli amanti dei Slasher-movie che, si sa, hanno lo stomaco di ferro!!!
Una doppia domanda mi nasce spontanea: con quale criterio i nostri distributori scelgono i film e soprattutto, loro, cosa vedono?
Dico questo perché In 3 Tagen bist du tot 2 è un ottimo Slasher-movie con i ritmi giusti, un’adeguata miscela di umorismo che in questi film è assolutamente un must poiché  sdrammatizza e dà respiro allo spettatore; la tensione e le scene splatter non mancano e quando arrivano son degli autentici pugni nello stomaco e tutto ciò fa capire che il regista conosce molto bene le regole di questo genere di film che un tempo sapevano fare da maestri solo gli americani, ma da qualche anno anche gli europei stanno dando buona prova.
Spero che anche in Italia qualche giovane regista di talento decida di sporcarsi le mani con un bel Slasher-Movie. Per la cronaca bisogna dire che l’ultimo regista italiano che ha realizzato un Slasher-Movie è stato l’ottimo e talentuoso Michele Soavi al suo debutto cinematografico ormai nel lontano 1987 e naturalmente parlo dell’indimenticabile Deliria.
Tornando a questo bel film di Andreas Prochaska mi auguro che verrà distribuito anche da noi magari assieme all’episodio precedente.
Concludo ricordando che il film è stato scritto oltre che dallo stesso regista anche dalla sceneggiatrice Agnes Pluch ed è ottimamente interpretato da un gruppo d’attori estremamente interessanti, affiatati e ben diretti, Sabrina Reiter, Andreas Kiendl, Anna Rot, Julia Rosa Stöckl, Martin Loos, Helmuth A. Häusler Philipp Rudig e Barbara Weber…Da non perdere In 3 Tagen bist du tot 2  perché è un piccolo gioiello del giovane cinema horror europeo che si spera che faccia da apripista!

Ettore Calvello