Presentazione Locarno Film Festival 2015, 68 edizione

20/06/2015

L'Ambasciata di Svizzera ha ospitato come ogni anno la presentazione di uno dei festival cinematografici “minori” tra i più apprezzati dal pubblico e dalla critica. Ci riferiamo a quello di Locarno, che si terrà dal 5 al 15 agosto nella omonima cittadina ticinese. La serata conviviale è stata rallegrata dal bel mondo romano, il cinema è passato abbastanza in secondo piano, visto che si è trattato principalmente di un evento di grido; ma si sa che queste cose sono consuete negli ambienti cinematografici. Ha fatto comunque piacere la presenza di Dario Argento, il quale, malgrado abbia fatto la storia della Settima Arte, si dimostra sempre molto umile e disponibile.  
Dicevamo che dei film si è parlato davvero poco, anzi nulla, tanto è che il direttore artistico della rassegna, Carlo Chatrian – non senza qualche  imbarazzo – ha dichiarato che il programma del Festival non è ancora stato completato! Egli ha però annunciato che a cinquanta anni dalla prima uscita, a Locarno verrà proiettata la versione restaurata de “I pugni in tasca” (1965) di Marco Bellocchio.
Abbiamo invece trovato interessanti le parole del presidente della rassegna, Marco Solari, che ha sottolineato come Locarno gratifichi la Svizzera Italiana, sempre un po' snobbata dagli altri Cantoni elvetici, essendo questo festival tra le prime tre manifestazioni della Confederazione. Solari ha inoltre detto, e la cosa ci ha fatto un certo piacere, che quello di Locarno andrebbe considerato un festival anche un po' “italiano”, non solo per la località in cui si svolge, ma specialmente per il ruolo determinante che il nostro Paese ha avuto nella sua crescita.

Riccardo Rosati