Il Grinta

17/02/2011

di Joel e Ethan Coen
con: Jeff Bridges, Matt Damon, Josh Brolin, Hailee Steinfeld

“I malvagi fuggono quando nessuno li insegue”.

I fratelli Coen lasciano sempre soddisfatti, anche quando si tratta del remake (o meglio, di una nuova versione) del classico americano diretto nel 1969 da Henry Hathaway. Il Grinta è una storia western di vendetta e coraggio, ambientata intorno al 1870 nell’America post Guerra Civile.
Mattie Ross è una ragazzina di 14 anni che si mette in viaggio alla ricerca di Chaney, l’uomo che ha ucciso suo padre per due pezzi d’oro e che poi è riuscito a sfuggire alla giustizia. Per trovarlo però Mattie chiede aiuto al vecchio sceriffo Rooster Cogburn –interpretato da uno straordinario Jeff Bridges- e ad un Texas Ranger, Mr. LaBoeuf (Matt Damon), da tempo sulle tracce di Chaney. I tre partono così per un lungo ed intenso viaggio, fatto di delusioni e coraggio, durante il quale devono confrontarsi tra loro e affrontare pericolose bande di criminali.
Basandosi sul romanzo di Charles Portis, i fratelli Coen ripropongono una storia avvincente, un western vecchio stampo, con quel fantastico tocco di ironia tipica dei due cineasti.  Una fotografia eccezionale, una costruzione delle scene attenta, una regia impeccabile e lineare che segue lo svolgimento della trama, e -ovviamente- un cast davvero brillante, rendono l’ultimo lavoro dei Coen un altro ottimo film, anche per i non amanti del genere western. L’esordiente Hailee Steinfeld è perfetta per il ruolo di Mattie, questa ragazzina forte, coraggiosa e decisa nonostante la sua giovane età. Jeff Bridges è ancora una volta straordinario, al pari (e forse anche superiore) del “Grinta” di John Wayne, che vinse il suo unico Oscar come attore protagonista proprio per il ruolo di Cogburn. Finalmente impeccabile ed estremamente convincente anche Matt Damon, nell’interpretare il Texas Ranger duro e testardo con lo sceriffo, fraterno con la bambina. 
Meritatissime le dieci nomination all’Oscar, tra cui “Miglior Film”, “Miglior Regia”, “Miglior Attore per Jeff Bridges” e “Miglior attrice non protagonista per Hailee Steinfeld”, per quello che potrebbe essere il miglior film dell’anno. Un western moderno come era stato “Gli Spietati” di Clint Eastwood (1992), che appassionerà anche coloro che non amano il genere e che lascerà ancora una volta soddisfatti gli amanti dei fratelli Coen.

Voto: 8

Silvia Preziosi