A proposito di Davis

08/02/2014

di Joel e Ethan Coen
con: Oscar Isaac, Carey Mulligan, John Goodman, Garret Hedlund, Justin Timberlake

Un giovane cantante folk, una chitarra e un gatto. A distanza di tre anni da Il Grinta, i fratelli Coen tornano a scrivere e dirigere un nuovo film, poetico, intimo, meraviglioso, un vero gioiellino. Ambientato negli anni ‘60 nel cuore del Greenwich Village, A proposito di Davis (Inside Llewyn Davis) racconta alcuni giorni di vita di Llewyn, musicista e cantautore che, dopo un primo iniziale successo tra il pubblico in coppia con il suo amico, cerca in qualche modo di trovare la sua strada. Llewyn è un sognatore, un uomo di poche parole che si esprime attraverso la sua musica, ma che si trova all’improvviso costretto ad affrontare la realtà: il suo compagno si è tolto la vita, lasciandogli così il compito di fare tutto da solo. La donna che ama vive con un altro uomo, la sua famiglia non riesce a comprenderlo come lui vorrebbe, il suo agente è solo un uomo anziano che cerca di ingannarlo e in più, non ha una casa dove vivere. Llewyn ha con sé infatti solo l’essenziale, la sua chitarra, la sua giacca per coprirsi dall’inverno gelido di New York e un gatto arancione che a suo modo gli fa compagnia. Tra un locale e l’altro, tra serate e lavoretti di ogni tipo, riuscendo ogni sera a trovare un posto in cui dormire e passaggi in macchina da sfruttare, Llewyn arriva a Chicago per un’audizione con un importante impresario musicale.
I fratelli Coen riescono come sempre a centrare il segno, tornando meravigliosamente ad un racconto più intimo e poetico, con una storia intensa e con Oscar Isaac che interpreta uno dei migliori perdenti del cinema. Fragile, solitario e alla ricerca del suo spazio nel mondo musicale, il suo Llewyn Davis incarna il cantautore folk Dave Van Ronk, uno che ispirò tanti, tra cui Bob Dylan, ma che ebbe davvero poco. Accanto a lui Justin Timberlake (Jim) attore sempre più interessante, e Carey Mulligan (Jean) che dopo il difficile ruolo in Shame, dimostra ancora una volta di essere un’attrice di grande talento. Ma ancora più straordinari Garrett Hedlund e John Goodman, con i quali Llewyn Davis intraprende un assurdo viaggio verso Chicago.
A tutto questo si aggiunge la splendida fotografia di Bruno Delbonnel che rende al meglio l’ambientazione di quegli anni, grigia e fredda, scaldata soltanto dal calore della musica e della voce di Oscar Isaac. Con A proposito di Davis i fratelli Coen raccontano una storia profonda, che parla di vita, di scelte sbagliate, di quei momenti in cui sembra vada tutto per il verso sbagliato, ma anche di arte e di musica, e lo fanno con quel cinismo e quell’ironia che li contraddistingue da sempre.

Voto: 8,5

Silvia Preziosi