Burn after reading - A prova di spia

23/09/2008

di Joel Coen, Ethan Coen
con: George Clooney, Frances McDormand, Brad Pitt, Tilda Swinton, John Malkovic

La nuova amarissima e divertentissima commedia dei fratelli Coen ha aperto la 65° Mostra del Cinema di Venezia  ed è stata una delle migliori pellicole del festival, è un’opera che, in fondo come tutti i film dei fratelli Coen, spiazza lo spettatore, poichè spazia nei vari generi mischiandoli genialmente.
A prova di spia - Burn after reading è una commedia acida, nella quale si ritrova il tocco magico, pazzoide ed anarcoide di tutta la filmografia coeniana anche se, per una certa parte della critica che ama mettere etichette che lasciano il tempo che trovano, è considerata un’opera minore proprio per il suo essere commedia. I Coen in questa satira dei film di spionaggio con umorismo nero, al vetriolo, confermano il loro talento narrativo.
In sintesi l’agente della CIA, Osborn Cox, espulso dall’organizzazione poiché è alcolizzato, perde un dischetto dai contenuti scottanti e da questo episodio assolutamente casuale hanno  inizio una serie d’eventi tragicomici, in una reazione a catena entrano in scena personaggi stralunati, grotteschi ed irrimediabilmente idioti.
All’interno del pirotecnico finale c’è tutta la filosofia ed un certo pessimismo cosmico che è una caratteristica dei due fratelli cineasti…la vita dell’uomo è dominata totalmente dal caos totale, l’uomo con le sue stupide azioni, è destinato a soccombere, così come abbiamo già visto nell’opera coeniana precedente, lo splendido, cupo e nerissimo Non è un paese per vecchi tratto dal romanzo omonimo di Cormac McCarthy.
Non è un paese per vecchi è il trionfo del caos. Dei trafficanti di droga muoiono in una sanguinosa sparatoria in pieno deserto; un reduce dal Vietnam, Moss, trova per caso la loro valigetta piena di soldi. Sulle sue tracce si pone Chigurh, criminale psicotico e freddo come il ghiaccio, per lui uccidere è un’azione assolutamente ordinaria come per una persona normale bere un caffè al bar. Infne c’è il vecchio e granitico sceriffo Bell, un uomo con molte cicatrici nell’anima e nel corpo, inesorabilmente sul viale del tramonto, reduce della seconda guerra mondiale, che raccoglie i cocci e conta i morti senza capirci molto e non si rende neppure conto che la morte l’ha sfiorato…
In entrambe le vicende si muore, in un impianto di apparente giocondo divertissement, ma in realtà A prova di spia - Burn after reading è un’acuta, tagica riflessione sulla condizione umana irrimedialmente meschina ed idiota e sul suo Destino.
Ottimo e ben affiatato tutto il cast che comprende George Clooney, John Malkovich, Frances McDormand, Tilda Swinton, Richard Jenkins ed un inedito e divertentissimo Brad Pitt che ha stupito non poco per la bravura ed il coraggio d’interpretare un vero idiota, anni ed anni luce lontano dai suoi consueti personaggi di sex-symbol. Assolutamente da non perdere.

Voto: 8

Ettore Calvello