Antologia del diverso

Il ragazzo introverso che sorrideva di rado

Cinquant'anni fa si suicidava Luigi Tenco. "Faccio questo non perché sono stanco della vita" lasciò scritto. Ma si rinchiudeva a riccio, la voce, splendida, un po' arrabbiata e un po' di chi soffre. Le più belle parole d'amore e tutto se stesso ce lo ha detto con le canzoni: di protesta, ironiche, d'amore, disincantate, bellissime

Scritto da Enrica Aguzzi

Pubblicato il 27/01/2017

Vai all'archivio