The Slaughter - La mattanza

16/08/2022

di Dario Germani
con: Tonia De Micco, Samuel Kay, Nadia Rahman, Janice Quinol, Roberto Luigi Mauri, Jason Prempeh, Tashi Higgins, Fabrizio Bordignon

Il regista Dario Germani ha potuto contare sull’accoglienza decisamente favorevole riservata al suo “The Slaughter - La mattanza” dagli appassionati di horror. Purtoppo, a chi scrive sfuggono i motivi di tale entusiasmo, perché un’opera simile ci sembra annegare nella sua autoreferenzialità.

Lungo più o meno un’ora e mezza, il film difetta di tensione, e si limita a riproporre gli stilemi dello slasher movie senza guizzi particolari, né trovate che permettano all’estimatore di “salvare” qualche sequenza (di quante pellicole cult serbiamo un ricordo nostalgico e piacevole solo perché, nella mediocrità dell’insieme, qualche scena era oggettivamente efficace?).

Se, invece, per meritare il plauso dei fan basta inanellare citazioni, soluzioni stilistiche, inquadrature, autori e locandine di altre pellicole, allora “The Slaughter - La mattanza” diventa un gioiellino da custodire amorevolmente: un punto di vista forse legittimo, ma anche un modo di vedere le cose che non fa compiere mezzo passo avanti a un genere cinematografico ancora parecchio apprezzato.  

Tanto di cappello ai tributi “per iniziati” (Lucio Fulci, Aristide Massaccesi, Claudio Fragasso, Bruno Mattei…), ma dietro all’omaggio rispettoso ed esplicito non riusciamo a scorgere altro che non sia sfondare una porta aperta.

Tutto sommato, il film precedente di Germani, “Antropophagus II”, era sicuramente più riuscito; quanto meno, per l’audacia di alcune sequenze.

Voto: 4,5

Andrea Salacone