Dalla terra alla luna

14/01/2024

 

Se volete andare sulla luna, andata e ritorno in appena sedici minuti, Mångata (titolo internazionale Mångata. The Road to the moon, 2022) è la vostra occasione partendo dal termine svedese del titolo che è traducibile con la “strada della luna”. Premio della giuria nella sezione Best national al VI Orvieto Cinema Fest (teatro Mancinelli, 17-24 settembre 2023) e special mention (miglior regia e miglior storia) al XX Montecatini International Short Film Festival (16-22 ottobre 2023), il corto della regista italo-tedesca Maja Costa è un viaggio nel passato, nel presente e nel futuro che parla di riscatto al femminile, di emigrazione, di rapporto padre-figlia e di conquista dello spazio. Il principale finanziatore per questa pellicola breve è stata l’Agenzia Spaziale Europea, che ha voluto rendere visibili alcuni dei progetti che nel futuro prossimo prenderanno vita, come l’esplorazione delle grotte lunari. La prescelta protagonista per tale compito è Alya (Stefany Frizzetti), un’astronauta afro-italiana emigrata bambina dalla Nigeria subsahariana e che, grazie alla sua forza è alla sua sensibile determinazione, riesce a conquistare un posto di primo piano nel team europeo dell'ESA per la missione lunare. Il satellite terrestre è il centro della narrazione, quella luna che il padre (Ayo Aloba) la invitava a guardare per non perdere la rotta europea (dei migranti): ora quella luna è il faro della missione, il presente lavorativo e l’occasione per scoprire se stessa e per incontrare la vera guida della sua vita. Ad Orvieto la giuria (composta da Pedro Armocida, presidente di giuria, Francesca Mazzoleni e Valentina Lodovini) ha premiato Mångata con la motivazione: “Un viaggio della memoria fisico, ma soprattutto spirituale, capace di raccontare, grazie alla potenza delle immagini, la forza del femminile e delle proprie radici”. Mångata si è aggiudicata anche la menzione speciale nella categoria Best music, in quanto è assolutamente originale la colonna sonora, ora disponibile online o in vinile in pre-order: https://tdrgo.bandcamp.com/album/m-ngata-the-road-to-the-moon. Mångata ha ricevuto diversi premi come miglior corto a festival con focus diversity/narrative femminili in Belgio, UK, USA e Portogallo. Il film è accreditato negli USA e in Africa; è in programma uno special screening nel programma per le scuole al Rotterdam IFF e la prima canadese al Toronto Black Film Festival a febbraio. Seguiranno altri festival Sci-Fi e Human Rights negli Stati Uniti e in Brasile a febbraio e marzo. 

All’Orvieto Cinema Festival il premio della critica SNCCI (conferito dai tre giurati Davide Magnisi, Marianna Cappi e Irene Gianeselli), è andato al filippino Cross My Heart and Hope To Die della regista Sam Manacsa, un corto di suspense, sangue e vendetta passato nella sezione Orizzonti a Venezia. All’Orvieto Cinema Fest è stata presentata la mostra FINIS dell’artista Fabio Weik, un percorso espositivo che racchiude l’installazione site-specific “Attraverso Balla”, sul tema dell’immigrazione, e sette opere, alcune inedite, della serie “Ermeneutica Chapter I”, sul tema del rapporto tra arte antica e mondo moderno, all’interno della Chiesa dei Santi Apostoli Filippo e Giacomo.  

Michela Manente