Encanto

25/11/2021

di Jared Bush, Byron Howard
con:

La famiglia Madrigal è davvero speciale. Quando cinquant’anni fa, alla morte dell’abuelo, hanno ricevuto il miracolo, alla luce della candela magica sempre accesa e in una “casita” mutevole e semovente le cui porte splendono su stanze incantate, ognuno di loro ha ricevuto un talento. Tutti tranne Mirabel, la cui porta non si è aperta e non ha avuto il suo dono. Eppure anche Mirabel è speciale, perché capisce per prima che la magia della casa si sta affievolendo e i suoi abitanti stanno perdendo i loro poteri. Mentre vede le crepe sgretolare i muri minacciando il crollo si chiede come tener viva la fiamma che li rende magici.
Coloratissimo, sgargiante, caleidoscopico l’ultimo film d’animazione Disney è un musical scoppiettante e ricco di fantasia ed invenzioni grafiche, ma è anche un monito a capire i “diversi”. In una famiglia dove tutti sono speciali la “normale” Mirabel è vista con severità perché non è stata toccata dalla magia e la si ritiene causa dell’imminente sciagura. Così come lo zio Bruno, l’innominabile, bandito tempo addietro a causa delle sue nefaste visioni, che vive nascosto, solo e reietto tra i topi poiché il dono che possiede non è amato. Ma la vera magia sta nell’essere uniti e non nel costringersi alla perfezione e la salvezza sta nel comprenderlo.
Purtroppo il limite di Encanto, che pur trabocca di vitalità e suggestioni visive, sta proprio nel parlare di magia senza riuscire ad essere veramente magico, stupisce ma non incanta, come suggerisce invece il titolo. Non arriva a toccare il cuore come Onward, che ugualmente raccontava l’estinguersi della magia, o come Coco, che dell’unione della famiglia raccontava.
Dopo il Pacifico di Oceania e l’Asia di Raya, la Disney ci porta in una Colombia favolistica con richiami a Gabriel Garcia Marquez e realizza il suo quinto film in ambientazione latino americana. Lo fa con un musical e i brani più godibili sono quelli in lingua spagnola (testi e musica di Lin – Manuel Miranda) e non lasciati al doppiaggio.

Voto: 7

Gabriella Aguzzi