Glass Onion

16/11/2022

di Rian Johnson
con: Daniel Craig, Edward Norton, Kate Hudson, Dave Bautista, Janelle MonŠe, Kathryn Hahn, Leslie Odom Jr., Jessica Henwick, Madelyn Cline

Non diremo nulla sulla trama. Un giallo si basa sui colpi di scena, i twist narrativi e le sorprese, dunque raccontare anche in maniera vaga significa privare di parte di ciò lo spettatore. Diremo tuttavia che le aspettative erano alte dopo aver visto Knives Out (uscito in Italia con lo sciocco titolo Cena con Delitto) perché il ritorno del Detective Benoit Blanc  interpretato da Daniel Craig, la firma dello stesso regista e sceneggiatore Rian Johnson e il sottotitolo Knives Out a voler rimarcare che si tratta di un sequel (o, meglio, di una nuova avventura del detective) facevano supporre che l’impronta fosse la stessa. Invece è proprio il clima a cambiare e come quasi tutti i sequel non ha la stessa freschezza del primo capitolo ma ubbidisce ad una richiesta posta sull’onda del successo.

Qui non siamo all’interno di una grande famiglia in una grande magione, ma sempre in un microcosmo di sospetti e in un’altra delle ambientazioni classiche del giallo: l’isola deserta con un piccolo gruppo di invitati scelti. Anche qui abbiamo le stesse scene viste da angolazioni diverse per completare il puzzle e sorprenderci, con un bel dosaggio di colpi di scena e rivelazioni, e anche qui occorre far attenzione ai dettagli rivelatori per risolvere l’enigma, ma ciò non basta. Questo capitolo 2 è assai più chiassoso ed eccessivo, con finale rocambolesco, non ha la finezza del giallo che vuole strizzare l’occhio ai grandi classici. Inoltre i riferimenti alla pandemia e l’uso delle mascherine sono, a parere di chi scrive, totalmente fuori luogo: se sono stati introdotti allo scopo di attualizzare l’ambientazione, il fatto che l’intero contesto non sia realistico li rende interamente superflui.

Per contro, rispetto al primo è decisamente più evidente e marcato il lato ironico e tutto il ritmo è improntato alla commedia. Alcuni interventi di Blanc sono esilaranti e il dialogo scoppiettante giustifica una situazione ai limiti dell’assurdo. Divertente, se si ridimensionano le aspettative.

Dal 23 novembre e solo per una settimana nei Cinema e dal 23 dicembre su Netflix.

 

Voto: 6,5

Gabriella Aguzzi