Il mio posto è qui

09/05/2024

di Daniela Porto, Cristiano Bortone
con: Ludovica Martino, Marco Leonardi

Calabria profonda, anno 1940. Divenuta madre e rimasta sola per la scomparsa in guerra di Michele, padre del suo bambino, Marta finita la guerra si trova a fare i conti con i pregiudizi e l’ostilità dei compaesani. L’amicizia – inizialmente stentata - con Lorenzo, noto omosessuale e sensale di matrimonio grazie alla sincera protezione del parroco, l’aiuterà a ritrovare la sua determinazione e a rivendicare la sua dignità e il suo posto nella piccola comunità.

Il destino di Marta, giovane madre e promessa sposa al rozzo Gino, si intreccia - proprio grazie al matrimonio in preparazione - alla vicenda personale di Lorenzo, riconosciuto da tutti, e da tutti sbeffeggiato, come omosessuale. Poco alla volta, passo dopo passo, l’amico imprevisto la aiuta a riconquistare un proprio spazio esistenziale, una propria prospettiva di vita, a dispetto di tutto e di tutti, che passa per la ricerca dell’emancipazione, con la prospettiva di un corso di dattilografia e forse di un concorso pubblico, lontano, a Milano.

Tra i due si crea una profonda, ma quasi casuale, complicità: Lorenzo la aiuta a seguire le lezioni di nascosto, la sostiene e la asseconda, assistendo al suo graduale risveglio, e allontanando, come può e finché può, i vincoli e le restrizioni famigliari e del futuro marito.

Per parte sua Marta– superando e ignorando i pregiudizi e le maldicenze dei paesani - accetta senza più riserve Lorenzo, avvicinandosi grazie a lui al mondo nascosto ed emarginato degli omosessuali, con uno sguardo semplice e aperto, se non complice, completando così una sua personale – e vincente – rivoluzione emotiva ed esistenziale.

Tratto dal romanzo omonimo della stessa Daniela Porto, il film sceglie un linguaggio visivo molto semplice, quasi minimalista, replicando così nei toni, nella fotografia e nelle interpretazioni – sull’esempio del neorealimso contemporaneo all’epoca dei fatti narrati – la semplicità e la ruvidezza delle ambientazioni e dei dialoghi del contesto in cui si muovono i protagonisti.

Voto: 7

Davide Benedetto