Imaginary

22/03/2024

di Jeff Wadlow
con: DeWanda Wise, Tom Payne, Taegan Burns, Pyper Braun, Veronica Falcon, Betty Buckley

Le bambole e i pupazzi provocano spesso vicende inquietanti e disastrose, soprattutto nel cinema del terrore. Al di là delle apparenze, dietro a un fantoccio carino, o che suscita tenerezza, si può annidare un pericolo terribile. Tuttavia, decenni di pellicole hanno reso un simile ribaltamento del tutto scontato, e parte della colpa andrebbe forse attribuita a film quali “La bambola assassina”, il cui primo episodio risale al 1988.

“Imaginary” prova ad apportare una variazione al tema, inserendo nell’intreccio una storia di affetti familiari e problematiche irrisolte. Un tentativo infruttuoso, anche perché la sceneggiatura ricorre a un altro elemento sfruttato abbondantemente nei thriller e negli horror: l’ambiguità che circonda i fatti. Ciò che vedono i protagonisti (e gli spettatori) è reale, o si tratta di allucinazioni? 

Il film è un minestrone di citazioni e rimandi. Ci si trova di tutto, da “Il sesto senso” all’“It” adattato da Andy Muschietti, fino a una sequenza che sembra omaggiare “I Goonies”. L’ultima parte penalizza un’opera già scialba con un guazzabuglio di situazioni che dà l’impressione che il regista proprio non sapesse come arrivare alla conclusione del racconto. 

Scelta piacevole, e inaspettata, quella di affidare a Betty Buckley ‒ attrice che ricordiamo, tra gli altri, nei panni di Miss Collins, insegnante di educazione fisica in “Carrie - Lo sguardo di Satana” ‒ un ruolo significativo, e chicca quasi subliminale per appassionati l’inquadratura che mostra la copertina dell’album dei Sonic Youth “Dirty” (la foto del pupazzo realizzato dall’artista Mike Kelley richiama alla lontana la locandina di “Imaginary”). 

Voto: 5

Andrea Salacone